L'Erba Madre



Ieri siamo scappati via dal caldo e siamo andati in montagna per festeggiare il compleanno di mia cugina. Nonostante la temperatura fosse elevata anche a casa dei miei zii, in giardino si stava a meraviglia, all'ombra degli abeti, e i bambini hanno avuto un po' di sollievo per qualche ora.
Polpetta si è divertito un mondo. È un bambino sensibile, attento a ciò che lo circonda. 
Ha scoperto che in giardino ci sono due tartarughe di terra ed ha trovato il coraggio di toccare il loro guscio con un dito, ha controllato che i micini non salissero sul passeggino di Pulcino e poi si è soffermato ad annusare il profumo delle rose, dei geranei e di quelle che lui chiamava margherite.
Orgoglioso delle sue scoperte mi ha presa per mano e mi ha portata all'aiuola a vedere la pianta di margherite,  con i bellissimi fiori bianchi e gialli.

In realtà non si trattava di margherite, bensì si Erba Madre.
Quando penso all'erba madre la associo con nostalgia a mia nonna, che non c'è più.
Ne ho una piantina sul balcone, perché mia nonna diceva sempre che era l'erba che faceva bene alle donne e mi invitava a mangiarla.
La ricetta che lei preparava sempre ed ha tramandato a mia mamma, che poi ha tramandato a me, è quella del Tortel, una frittatona fatta con questa erba dal caratteristico odore e sapore amarognolo.
Da piccola lo odiavo, non mi piaceva per niente, ma poi crescendo, ho imparato ad amare quel sapore caratteristico, che lego alla mia nonna e alla sua bella casa in montagna col giardino circondato da rose ed una bella pianta di erba madre .

Mi sono documentata: effettivamente il consiglio di mia nonna era prezioso, come sempre lo sono le consuetudini che derivano dalle tradizioni popolari.
L'erba madre, o tanacetum partenium, è una pianta infestante, molto semplice da coltivare, che si riproduce molto facilmente ed ha molte qualità:
in campo erboristico l’erba madre è un'erba che viene utilizzata per la realizzazione di detergenti, creme, shampoo, unguenti, dentifrici. 
L'erba madre è anche molto utilizzata nella produzione di articoli curativi erboristici, grazie alle sue proprietà utili per la cura di emicranie, febbre, dolori articolari. Una volta veniva utilizzata anche come cura per la malaria.
Un'altra proprietà nota dell’erba madre sembrerebbe quella di alleviare i dolori mestruali e curare la dismenorrea, ma andrebbe evitato il consumo di questa erba in gravidanza ed in caso di ulcere.

Nella tradizione popolare veronese l'erba madre viene utilizzata per fare torte, frittelle e frittate.
Ecco qui la ricetta di mia nonna per una frittata diversa ma dal sapore particolare.

TORTEL

Ingredienti:

4 uova
1 cucchiaio di farina
1 pizzico di sale
1 pizzico di bicarbonato di sodio
Un po' di Latte
Qualche foglia tritata di erba madre

Nel bicchiere del mixer ad immersione mettere tutti gli ingredienti, quindi frullarli con il mixer.
Versare il composto ottenuto in una pentola antiaderente calda ed imburrata e cuocere come una normale frittata.
Attenzione alla quantità di erba madre: il sapore è molto forte, per cui non ne va messo molta per evitare che la frittata risulti troppo amara. 


Commenti

  1. Sai che non conoscevo il tanaceto partenio? O meglio ho visto spesso la pianta ma non sapevo fosse commestibile... grazie per avermela fatta conoscere!

    RispondiElimina

Posta un commento