Massaggio neonatale


Ieri è stata una giornata complicata. Io ero molto stanca, Polpetta aveva bisogno di attenzioni e Pulcino era irrequieto: ha pianto tutto il giorno: il solo modo per calmarlo era quello di metterlo in fascia portabimbi. Qui, a contatto con me (che sudavo copiosamente per il caldo) si rilassava e dormiva un pochino.
La mia stanchezza ha influito sulla qualità della giornata, poiché mi innervosivo, ho perso la pazienza un paio di volte con Polpetta, ero esasperata dall'irrequietezza di Pulcino e siamo arrivati a sera tutti molto stanchi.

Questa mattina, quando Pulcino si è di nuovo mostrato irrequieto, non volevo ripetere l'esperienza di ieri. Poi mi è venuta l'illuminazione: il massaggio neonatale, ecco cosa ci è mancato ieri!!! Ieri mattina non ero riuscita a farlo, mentre di solito cerco di massaggiare il mio piccolo quotidianamente.

Quando Polpetta era neonato avevo partecipato ad un corso di massaggio neonatale. È stata un'esperienza bellissima, che permetteva a me e Polpetta di ricavarci un tempo speciale per ricreare quel contatto rilassante che si instaura tra madre e bambino durante la gravidanza.

L'organo più esteso del nostro corpo è la pelle ed è attraverso di essa che percepiamo sensazioni che ci sono note fin dai primissimi giorni nella pancia della mamma. Tra le prime cellule che si formano nell'embrione ci sono quelle che formeranno la pelle, per cui il primo senso che si forma è quello del tatto.
Nel ventre materno siamo continuamente massaggiati, dal liquido amniotico, dalle pareti uterine, dalla mano della madre che si massaggia la pancia.
Ecco perché il contatto pelle a pelle è fondamentale per il benessere del neonato.

Portare in fascia, come ho fatto ieri rilassa il bambino perché si sente contenuto, la fascia ricrea sensazioni uterine, ma il massaggio neonatale permette al bambino di integrare la sensazione di contenimento con altri stimoli.

Quando massaggiamo il nostro bambino, gli parliamo, ci guardiamo negli occhi, stimoliamo la relazione madre bambino e facciamo si che, in questo momento di coccola il bambino si senta amato, cercato e voluto, mettendo in campo la relazione affettiva, molto importante per il neonato.

Sentendosi massaggiare il neonato prende consapevolezza di sè e del proprio corpo, inoltre il massaggio neonatale scarica le tensioni ed elimina lo stress del neonato, apportando benefici al sistema cardiocircolatorio.

Il massaggio sul pancino, fatto eseguendo appositi movimenti, permette di attivare l'intestino, diminuire le coliche del neonato e aiuta a risolvere i problemi di stitichezza o dissenteria.

Il massaggio del corpo rilassa il bambino, aiutandolo a risolvere problemi di insonnia e nervosismo, soprattutto se si massaggiano le gambe e la pianta dei piedi.

Il massaggio neonatale favorisce un riequilibrio energetico-emozionale, stimola la circolazione del sangue e della linfa, stimola l'idratazione cutanea e la bonificazione muscolare.

Il massaggio va fatto in un contesto rilassato, in un ambiente tranquillo, ad una temperatura gradevole, prendendosi il tempo necessario, possibilmente prima o dopo il bagnetto, utilizzando possibilmente olio di mandorle dolci.
Fatto quotidianamente diventa non solo una piacevole routine per mamma e bambino, ma stimola il sistema immunitario.

Oggi ho trovato il tempo di farlo. Pulcino sorrideva felice, apprezzando il massaggio ed è subito apparso più rilassato di ieri, tanto che non ha fatto fatica ad addormentarsi per il riposino diurno, ma quando si è risvegliato è riuscito a riaddormentarsi da solo.

Credo che partecipare al corso di massaggio neonatale con Polpetta mi abbia dato un modo in più per amare i miei bambini, ma la cosa bella è che fa benissimo anche a me: quando termino il massaggio mi sento sempre bene e rilassata, tanto da affrontare il resto della giornata serenamente, quasi come se il massaggio fosse stato fatto a me!
  
Trovate il mio post sul portare i bimbi qui

Commenti

  1. vedi ,ad averlo saputo prima mi sarei risparmiata molte giornate senza sapere cosa fare perchè il piccoletto non stava tranquillo !!! cerchero' di rimediare!

    RispondiElimina
  2. Il massaggio é un rilassarsi in due, un armonia tale che se é uno sta bene sta bene anche l'altro. Anche noi lo facevamo spesso se il picci dava segnali positivi.mi hai ricordato i nostri,chostetrica grazie! Avevo imparato Da un 'ostetrica anche quello metamorfico da fare al piede.. Una cosa diversa ma molto interessante

    RispondiElimina
  3. Quando sono nati i miei due cercavo di ritagliare dei momenti per stare con lor: fare il bagnetto insieme, i massaggi e tutto il resto (ora i massaggi sono di gran moda ma cinque anni fa non era così).
    Sono momenti importanti.

    RispondiElimina

Posta un commento