Ci sono giorni....



In questi giorni ho pensato molto al mio modo di essere mamma.
Ci sono giorni da manuale, in cui tutto fila liscio e, compatibilmente con la gestione di due bambini, (uno di quasi sei mesi ed uno di tre anni e mezzo) mi stupisco di ciò che siamo riusciti a fare: sono i giorni in cui penso che forse la mia famiglia potrebbe assomigliare a quella del Mulino Bianco, più o meno.

Ci sono, però, giorni in cui mi sento una mamma totalmente imperfetta.
Sono i giorni in cui alle sette di mattina mi trascino fuori dal letto per andare a fare colazione con Polpetta già lavato e vestito da Marito, perché è suo diritto avermi con sè prima di andare a scuola, sempre portato da Marito, ma a me viene da piangere perché Pulcino si è svegliato molte volte durante la notte ed ho un sonno pauroso perché ho passato la notte ad allattare.

Sono i giorni in cui imprecando contro il fato, trasloco Pulcino, Ovetto, borsa del cambio, ruote del passeggino da casa alla macchina rischiando di cappottarmi sui 19 scalini che mi separano dalla strada e vado a fare la spesa, poi riporto tutto su in casa ostiando tra i denti contro il destino ed il moldavo che tre anni fa mi ha procurato un colpo di frusta mai guarito. Allattando il signorino imbastisco un pranzo veloce e triste (insalata e tonno in scatola) per il povero Marito, e dopo aver tentato invano di riposare tra una poppata e l'altra, di nuovo impreco contro il fato, traslocando di nuovo tutte le masserizie del poppante e vado a prendere il mio bimbo grande all'asilo e, totalmente di corsa pensando alle mille cose che devo ancora fare, prendo male la mira e mi tiro la portella del bagagliaio sulla fronte, procurandomi un bel bernoccolo.

Ci sono giorni in cui soccombo davanti ai mestieri di casa, cerco di tenerla in ordine, lavo pulisco, faccio i bucati, eppure nonostante il mio impegno, dopo poche ore il disordine regna sovrano.

Ci sono giorni in cui mi impegno per cucinare piatti sani e gustosi e mi distraggo per seguire i bambini e brucio qualcosa.

Ci sono giorni in cui, in barba a mille teorie psicopedagogiche, perdo la pazienza e mi arrabbio di brutto con Polpetta ed alzo la voce, lo sgrido.
Poi mi calmo e cerco di metterci una pezza. Insieme vediamo cosa ci ha insegnato quello che è successo, facciamo la pace, ci diciamo che ci vogliamo bene, ma io mi sento una cacca per tutto il resto della giornata.

Ci sono giorni in cui mi domando:
Ma io, così imperfetta, pasticciona, lamentona (si, perché sono davvero brava a lamentarmi) come appaio alle altre mamme?
Davanti a loro traspare la mia imperfezione? O sembro come loro, le mamme perfette, quando in realtà non lo sono?

Si, perché la sera, dopo una di quelle giornate da urlo, in cui tutto va storto, mi chiedo cosa ho trasmesso ai miei bambini, che genere di mamma sono.
Mi chiedo se mi amano perché si ritrovano una mamma così e perché la mamma non si sceglie, ma ti capita, o se mi amano perché qualcosa di buono lo so fare davvero.

Poi guardo i miei bambini, li vedo sereni, sento l'amore che provano per me ed il grande amore che provo per loro.
E penso che in fondo, la mammitudine sia questa.
Corri, arranchi, cerchi di fare del tuo meglio. Ma lo fai con amore, cerchi di fare in modo che i tuoi bambini stiano bene, siano amati, cerchi di educarli al meglio. E speri che un domani, quando saranno grandi, i tuoi figli apprezzino quello che hai fatto per loro e ti amino nonostante la tua imperfezione.

Si, lo dico di nuovo! #tanaliberatutte!

Commenti

  1. intitolerei questo post e la vita di una mamma in generale con "ci sono giorni..." :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il suggerimento! Provvedo subito! :)

      Elimina
  2. Silvia, tutte le mamme sono come te, sai? Fanno quel che possono, come possono, quando possono. Perdono la pazienza per poi pentirsi, puliscono casa e bruciano pranzi perché i miracoli vogliamo riservarli ad altre cose no? E, infine, vedo tutti i giorni all'asilo, quando vado a prendere Isabel, mamme che come te, hanno un fagottino in braccio e un piccoletto che non vuole saperne di vestirsi da solo. E ogni volta le guardo ammirata, queste mamme, perché non so come fanno. Io non ce la farei mai, giuro. Tu e loro avete tutto il mio rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Annamaria!
      Avere due bambini è una gioia immensa. Passiamo momenti davvero felici insieme, ma che fatica a fare tutto da soli, solo Marito ed io!
      Ma, fortunatamente, poi li abbracci, senti il loro profumo, e la fatica sparisce!

      Elimina
  3. Ci sono giorni così, hai ragione. Comprendo, capisco, vivo le stesse sensazioni e...spero che la tua conclusione sia vera!!!

    RispondiElimina
  4. ci sono giorni così. tanti giorni così. perchè poi non ci sono più le notti insonni o le poppate ma le corse per la danza e il catechismo, il basket e l'assemblea. e le urla all'asilo perchè "muoviti che tuo fratello esce da scuola". e le lacrime del capriccio "volevo la treccia non la coda" e le lacrime da consolare perchè "il mio compagno mi critica sempre". e l'autonomia che vuoi insegnare, l'esempio che vuoi dare quando proprio in quei giorni no sei un pessimo esempio.
    detto questo sono convinta che la tua conclusione non sia vera, ma verissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno mi diceva: piccoli bambini, piccoli problemi, grandi bambini, grandi problemi... Speriamo comunque di aiutarli a crescere al meglio!

      Elimina
  5. Hai descritto una comune mamma mortale :-) Dopo 18 mesi col mio pargolo sono sempre più convinta che sia così per tutte.. La mamma strafiga e perfetta esiste solo negli spot pubblicitari e se ne scovi una probabilmente è un serial killer latente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Vai a prendere i bambini a scuola e le altre mamme ti sembrano perfette, scintillanti.
      Ma se le ascolti bene trovi le tue stesse insicurezze. E un po' di consoli...

      Elimina
  6. Silvia ciao cara, ci sono tanti giorni no per tutte penso, anche Per quelle mamme che paiono perfette.. Dici che sono così davvero?!! Aiutooooo!! Io a volte le vedo e mi chiedo come facciano ad avere un controllo perfetto tra lavoro casa e più figli. ma non vuole essere una critica a loro, se è così davvero tanto di cappello..Ci sono momenti in cui ti senti incompetente e tutto sembra faticoso.. Ti capisco.. Fa parte come dici tu della mammitudine.. Per questo penso sia molto importante lavorare su noi stesse , sul nostro equilibrio che ci permette di oscillare ma di non spezzaci mai.. E comunque secondo me tu sei una mamma super!!ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. ahi voglia se ci sono giorni così...però non sono sicura se aggiungere purtroppo o per fortuna. ;-)))))

    RispondiElimina
  8. Silvia eccome se ci sono questi giorni, siamo esseri umani fallibili anche noi e soprattutto non siamo di ferro! Per fortuna l'amore per figli ti fa rinascere ogni volta che cadi un po'!

    RispondiElimina

Posta un commento